Enter your keyword

Luce e Gas: 7 consigli per risparmiare in casa!

Luce e Gas: 7 consigli per risparmiare in casa!

Luce e Gas: 7 consigli per risparmiare in casa!

Il “caro bollette” è una vera emergenza, il prezzo del gas ha raggiunto livelli stratosferici; negli ultimi dodici mesi è cresciuto del 600%. Ti starai chiedendo se è possibile risparmiare sulle prossime bollette di casa?

Sì, è possibile risparmiare. Scopriamo dei piccoli accorgimenti che possono ridurre dal 10 al 25% il costo della bolletta, stiamo parlando di un risparmio da 180 a 300 euro l’anno, per una famiglia di quattro persone. Senza contare che ridurre il consumo di energia fa bene anche all’ambiente.

Andiamo per ordine;

Airdomus.com è una piattaforma digitale per comprare e vendere casa tra privati, senza intermediazione. Utilizziamo la tecnologia per facilitare l’incontro tra acquirente e venditore , con risparmio di tempo e denaro. Iscriviti gratuitamente e senza vincoli, per vendere o cercare casa. Centinaia di utenti si sono già iscritti sulla nostra  piattaforma. Scopri di più

Perché il costo del gas è così alto?

La guerra in atto tra Russia e Ucraina e le tensioni geo-politiche che ne conseguono, determina incertezza sull’approvvigionamento. Il gas come tutte le materie prime è oggetto di contrattazione sui mercati e quindi, anche, di speculazione. In Italia per produrre energia elettrica, il gas è la fonte non rinnovabile più utilizzata, di conseguenza l’aumento di quest’ultimo determina a cascata anche l’aumento dell’energia elettrica.

Come ridurre i consumi?

tv in stand by

1. Il primo consiglio è talmente semplice da sembrare banale, in realtà si tratta di un accorgimento molto importante che non costa nulla e può far risparmiare da subito; Non lasciare gli apparecchi elettronici in stand by: In casa abbiamo apparecchi elettronici che non utilizziamo per diverse ore nell’arco della giornata, ad esempio il televisore, il computer, il microonde ecc. quanti di noi lasciano la lucina rossa o il display accesi anche di notte?

Siamo portati a pensare che si tratti di un consumo irrisorio, in realtà un televisore in stand by, ad esempio, consuma 2 – 3 Watt. Moltiplicando questo consumo per tutto l’anno si arriva a dati impressionanti un solo televisore può arrivare a consumare 35.000 Wh di energia inutile. Si calcola che le apparecchiature in stand by pesano il 10% circa sulla bolletta, stiamo parlando di un importo di 70 – 100 euro l’anno per una famiglia di 4 persone. Un suggerimento: per facilitare le operazioni di accensione e spegnimento degli apparecchi utilizza le ciabatte con l’interruttore.

2. Ridurre l’utilizzo di acqua calda, usare la doccia invece del bagno, si stima che per la prima si usano dai 50 ai 75 litri di acqua calda, mentre per il bagno ne servono dai 120 ai 160 litri. L’altro suggerimento è di chiudere l’acqua mentre ci s’insapona o si fanno dei trattamenti, ad esempio con balsamo o maschere.

3. Utilizzare lampadine a LED, consente un risparmio fino all’85% del consumo di energia, rispetto alle vecchie lampadine. Hanno una vita più lunga rispetto alle alogene e a quelle a incandescenza e quindi un risparmio sulla manutenzione.

Come gestire gli elettrodomestici per risparmiare gas e luce?

4. Il quarto consiglio riguarda una corretta gestione degli elettrodomestici:

piano cottura a gas

Frigo: è sicuramente uno degli elettrodomestici più utili. È acceso 24 ore al giorno, il consumo energetico varia tantissimo a secondo della dimensione, della classe energetica e del suo utilizzo. I frigoriferi moderni consumano decisamente meno il costo annuo può partire da 60 euro; quelli più vecchi hanno consumi decisamente elevati fino ad arrivare a 250 euro l’anno. Come ridurre gli sprechi?

  • Sbrinare con regolarità;
  • Sostituire le guarnizioni se troppo usurate;
  • Ridurre, possibilmente, l’utilizzo (apri e chiudi);
  • Non posizionarlo vicino a fonti di calore, termosifoni, forno, piano cottura, o in prossimità di pareti rivolte a sud;
  • Lasciare uno spazio di almeno dieci centimetri dalla parete per consentire un corretto raffreddamento della serpentina;
  • Non riempirlo eccessivamente o lasciarlo vuoto, nel secondo caso, mettere all’interno delle bottiglie d’acqua che aiutano a mantenere la temperatura;
  • Non inserire cibi caldi.

Piano cottura: Anche in questo caso ci sono dei piccoli accorgimenti che possono far risparmiare;

  • Utilizzare pentole in metallo;
  • Utilizzare il coperchio per cucinare, ancora meglio usare la pentola a pressione per cotture prolungate;
  • Verificare che la fiamma sia di colore azzurro per una corretta combustione, se la fiamma è di colore giallo/arancione, la combustione non è efficiente e quindi un consumo maggiore.
  • Se devi scaldare dell’acqua per un tè o una tisana usa il microonde.

Se utilizzi il gas solo per cucinare forse vale la pena di valutare un piano a induzione, quelli moderni consumano decisamente poco, puoi gestirlo senza modificare i 3 kw di potenza della fornitura elettrica, ed eliminare il contratto per la fornitura del gas.

Lavatrice/lavastoviglie: È sempre consigliabile utilizzare questi elettrodomestici a pieno carico scegliendo le temperature basse o i cicli di lavaggio “eco”, usare i prelavaggi e le alte temperature solo in caso d’indumenti o stoviglie particolarmente sporchi.

Utilizza questi elettrodomestici nelle fasce orarie nelle quali il costo per kwh è più basso.

Come usare il riscaldamento per risparmiare gas?

riscaldamento a gas

5. Gestire la temperatura degli ambienti in maniera ottimale. È suggerita, in casa, una temperatura di 19 gradi. Consente un risparmio notevole e previene problemi di salute legati a un ambiente caldo e secco.

6. Non mettere ostacoli davanti ai termosifoni. La presenza di mobili, tende o altro, ostacola l’irradiazione del calore. Fortemente sconsigliato, per lo stesso motivo, usare i termosifoni come stendibiancheria.

Al contrario il suggerimento è di frapporre, un pannello tra il muro e il termosifone per evitare dispersioni verso l’esterno.

7. Evitare inutili dispersioni. La sera oltre alle finestre chiudi anche le tapparelle per schermare la dispersione termica; Ancora meglio posizionare delle tende pesanti davanti alle finestre.

Un ultimo suggerimento, sostituire gradualmente i vecchi elettrodomestici con apparecchi di classe energetica superiore.

Potrebbero interessarti:

Come tenere freschi gli ambienti senza condizionatore?

Contratto d’affitto quale scegliere?

No Comments

Leave a Reply