Enter your keyword

Superficie commerciale: Come calcolare le misure di casa.

Superficie commerciale: Come calcolare le misure di casa.

Superficie commerciale: Come calcolare le misure di casa.

Vuoi vendere casa, devi decidere il prezzo, uno dei parametri principali per definire un valore corretto, è la superficie commerciale dell’immobile.

Prenditi 5 minuti, leggi quest’articolo fino in fondo, troverai le informazioni che ti servono per prendere correttamente le misure di casa.

Premessa:

E’ opportuno recuperare una planimetria catastale aggiornata dell’immobile che spesso è allegata all’atto di provenienza. In alternativa basta recarsi presso il catasto e chiedere copia della planimetria, è un’operazione semplice e senza costi.

Come procedere?

  • Destinazione d’uso dei locali

Per prima cosa verifica la destinazione d’uso dei vani che compongono l’immobile, ad esempio nella planimetria in basso, uno dei vani è censito come locale accessorio, in questo caso può avere diverse definizioni catastali, sgombero, deposito, ripostiglio ecc. nel computo dei mq. questi locali vanno calcolati con la percentuale indicata, anche se vengono, impropriamente, utilizzati a fini abitativi.

Superficie commerciale

Spesso si fa confusione tra superficie commerciale e calpestabile.

Vediamo la differenza:

La superficie calpestabile di un immobile è, come si può intuire, la superficie interna dei vani che compongono l’immobile al netto di muri divisori, perimetrali e spazi esterni.

La superficie commerciale è la somma di tutti gli spazi di cui si compone un immobile, incluse murature interne e perimetrali, le pertinenze e gli spazi esterni.

 Nella compravendita tra privati, il riferimento è la superficie commerciale.

Premesso che non esiste una norma cui far riferimento, considerato che un balcone o una cantina non possono avere lo stesso valore della superficie interna,  la prassi è quella di applicare dei coefficienti per determinare l’incidenza delle superfici che compongono l’immobile.  Vediamo come:

Incidenza delle superfici
  • Superfici coperte:  
  • Superficie calpestabile comprensiva dei muri divisori deve essere calcolata al 100%;
  •  Muri perimetrali al 100% fino ad un massimo di 50 cm di spessore, se in comunione al 50%, fino ad un massimo di 25 cm. di spessore;
  • Soppalchi abitabili 80%, non abitabili 15%,
  • Mansarde con un’altezza media di 240 cm al 75%,
  • Sottotetti non abitabili al 35%;
  • Taverne e locali seminterrati abitabili 60%
  • Soffitte e cantine 20%;
  • Locali accessori altezza minima 240 cm. collegati ai vani principali al 50%;
  • Superfici esterne:
  • Balconi e lastrici solari 25% fino a 25 mq. l’eccedenza và calcolata al 10%;
  • Terrazzi, logge, portici e patii al 35%;
  • Verande dal 60 all’80% a secondo delle finiture;
  • Cortili al 10% fino a 25 mq.  e al 2% la superficie eccedente;
  • Giardini di appartamenti al 15% fino a 25 mq. e al 5% quella eccedente;
  • Giardini di Ville al 10% fino a 25 mq. e al 2% quella eccedente;

I dati riportati sono suscettibili di variazioni, perché ogni immobile ha caratteristiche diverse.

Nel calcolo delle superfici, non abbiamo inserito box e posto auto perché i valori possono variare, anche nella stessa zona, in funzione di diversi fattori, quali: dimensioni, posizione, facilità d’accesso ecc.

Articoli correlati:

Come definire il prezzo di vendita di un immobile

Preliminare: differenza tra registrazione e trascrizione

Proposta di acquisto immobiliare, vincoli e garanzie

Permuta immobiliare, quali sono i vantaggi

No Comments

Leave a Reply