Enter your keyword

Il proprietario può entrare in casa in affitto?

Il proprietario può entrare in casa in affitto?

Il proprietario può entrare in casa in affitto?

Quando il proprietario può entrare in casa concessa in affitto? Spesso l’esigenza del locatore di verificare lo stato di manutenzione dell’immobile si scontra con il diritto alla privacy dell’inquilino. Conoscere le regole che ognuno è tenuto a rispettare, è fondamentale per evitare conflitti e per non incorrere in situazioni che possono addirittura sconfinare nel penale. In quest’articolo trovi le risposte che ti servono per conoscere i tuoi diritti. Buona lettura.

Condividi:

Airdomus.com è una piattaforma digitale per comprare e vendere casa tra privati, senza intermediazione. Utilizziamo la tecnologia per facilitare l’incontro tra acquirente e venditore , con risparmio di tempo e denaro. Iscriviti gratuitamente e senza vincoli, per vendere o cercare casa. Centinaia di utenti si sono già iscritti sulla nostra  piattaforma. Scopri di più

Il proprietario può entrare in casa affittata?

Il proprietario non può entrare in una casa affittata senza il consenso dell’inquilino. Il contratto di locazione attribuisce all’inquilino il diritto di utilizzare per tutta la durata del contratto, l’immobile per stabilire la propria dimora. Il diritto all’inviolabilità del domicilio è stabilito dall’art 14 della nostra Costituzione. Il proprietario può accedere all’immobile nei modi e nei termini stabiliti dal contratto di locazione e comunque previo accordo con l’inquilino.

Cosa succede se il proprietario entra in casa affittata senza permesso?

Il proprietario che entra in casa affittata, senza l’autorizzazione dell’inquilino o comunque a sua insaputa, commette una violazione di domicilio, è un reato punito dalla legge in modo severo. Il proprietario che affitta un immobile integralmente, deve sapere il ruolo del locatore non comporta la disponibilità della cosa locata, per tutta la durata del contratto e che accedere all’immobile senza autorizzazione o peggio contro la volontà dell’inquilino non è una semplice violazione contrattuale, come sancito dall’articolo 614 del codice penale che al primo comma recita:

Chiunque s’introduce nell’abitazione altrui, o in un altro luogo di privata dimora, o nelle appartenenze di essi, contro la volontà espressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo, ovvero vi s’introduce clandestinamente o con inganno, è punito con la reclusione da uno a quattro anni.

Il proprietario non può accedere all’immobile nemmeno in caso di morosità dell’inquilino, per rientrare nella disponibilità del bene, deve attendere lo sfratto.

Quando il proprietario può entrare in casa?

Il proprietario ha diritto di accedere all’immobile locato nei seguenti casi:

  • In Situazioni di emergenza o pericolo, quando si verifica una situazione che mette a rischio l’incolumità di terzi o pregiudizio per la stabilità dell’edificio, ad esempio un principio d’incendio, in questi casi anche senza il consenso dell’inquilino;
  • Per fare lavori di ristrutturazione non derogabili, l’intervento non dev’essere un pretesto per creare problemi all’inquilino, concordando con quest’ultimo tempi e modalità;
  • A fine locazione, durante i mesi che precedono la fine del contratto, il proprietario ha il diritto di far visionare l’immobile ai potenziali nuovi inquilini o acquirenti, nei giorni e in orari da concordare con l’inquilino;
  • Uso illecito dell’immobile, se la casa è utilizzata per svolgere attività illegali. In caso di rifiuto dell’inquilino, il proprietario potrà rivolgersi al giudice per ottenere l’autorizzazione;
  • Lavori non autorizzati, se l’inquilino esegue dei lavori non autorizzati, il proprietario può entrare in casa, chiedendo al conduttore di effettuare un sopralluogo;
  • Subaffitto non autorizzato, qualora l’inquilino conceda a terzi, in tutto o in parte, l’immobile locato senza l’autorizzazione del proprietario;
  • Cambio destinazione d’uso, se l’inquilino utilizza l’immobile locato a uso abitazione come ufficio o in uso promiscuo, il proprietario ha il diritto di chiedere di poter visionare l’immobile, giacché la modifica, se non prevista, comporta una violazione del contratto e una diversa imposizione fiscale a carico del proprietario.

Potrebbero interessarti:

Foto Leonardo.ai

No Comments

Leave a Reply