Enter your keyword

Proposta di acquisto immobiliare: Sai cosa firmi?

Proposta di acquisto immobiliare: Sai cosa firmi?

Proposta di acquisto immobiliare: Sai cosa firmi?

Conosci davvero la proposta di acquisto immobiliare che stai per firmare? La proposta di acquisto è un documento molto diffuso quando si tratta di comprare casa tramite agenzia immobiliare, spesso è un prestampato che l’agente immobiliare compila e sottopone al potenziale acquirente per la firma. Si è portati sottovalutare la proposta di acquisto a considerarla un contratto minore rispetto al compromesso, come vedremo più avanti, non è cosi. A che cosa serve e sopratutto quali sono i vincoli e le clausole cui fare particolare attenzione prima di firmare?

Abbiamo già trattato l’argomento: proposta di acquisto immobiliare; in quest’articolo vogliamo porre l’attenzione su alcuni aspetti delicati del documento che dovresti conoscere prima di firmare. Buona lettura.

Airdomus.com è una piattaforma digitale per comprare e vendere casa tra privati, senza intermediazione. Utilizziamo la tecnologia per facilitare l’incontro tra acquirente e venditore, con risparmio di tempo e denaro. Iscriviti gratuitamente e senza vincoli, per vendere o cercare casa. Centinaia di utenti si sono già iscritti sulla nostra  piattaforma. Scopri di più

Che valore legale ha la proposta di acquisto immobiliare?

La proposta di acquisto è un atto unilaterale, che vincola solo il proponente, il venditore è libero di accettarla o rifiutarla, diventa vincolante per entrambi solo se accettata dal venditore. Dopo l’accettazione del venditore, la proposta di acquisto immobiliare è a tutti gli effetti un preliminare di compravendita, e salvo che non siano previste condizioni sospensive, vincola le parti alla stipula dell’atto definitivo. È perciò importante che le condizioni di acquisto proposte siano chiare e dettagliate per evitare futuri contenziosi. Se desideri approfondire come funziona la proposta di acquisto leggi il nostro articolo. Nei prossimi capitoli analizzeremo i punti più importanti da prendere in considerazione.

Quali sono gli obblighi dell’agente immobiliare alla firma della proposta di acquisto?

L’agente immobiliare ha il dovere di comunicare ai proponenti la presenza di eventuali vincoli, che potrebbero influire sulla conclusione dell’affare, quali ad es. trascrizioni pregiudizievoli, ipoteche, pignoramenti, abusi ecc. L’agente immobiliare ha l’obbligo di agire con lealtà e buona fede, il mediatore è tenuto a comunicare circostanze a lui note o che può conoscere adottando un comportamento diligente, art. 1759 e seguenti codice civile.

Quando decade una proposta di acquisto immobiliare?

Il periodo di validità della proposta di acquisto è una decisione che spetta al proponente, in genere 10 giorni sono più che sufficienti per consentire al venditore di accettare o rifiutare le condizioni di acquisto proposte, salvo casi particolari in cui il venditore è materialmente impossibilitato a prenderne visione, ad esempio si trova all’estero. In ogni caso è consigliabile mantenere la proposta valida per un tempo limitato per non rimanere vincolati a lungo.

Proposta di acquisto: Come tutelarsi dalla presenza di abusi edilizi e vincoli di sorta?

La proposta di acquisto deve contenere una clausola sospensiva a garanzia della piena commerciabilità dell’immobile. Vale a dire che l’efficacia della proposta è sospesa fino a quando le obbligazioni contrattuali sono state soddisfatte. In caso contrario il contratto non ha valore e come se non fosse mai esistito e il proponente ha diritto alla restituzione della caparra senza penalità.

Come già detto chi sottoscrive una proposta di acquisto immobiliare, ha il diritto di sapere se l’immobile è gravato da vincoli o difformità edilizie. Spesso pero il venditore, in buona fede, non ha contezza della presenza di difformità urbanistiche e catastali. È consigliabile inserire nella proposta una clausola di verifica della regolarità edilizia dell’immobile da accertare conferendo incarico a un professionista (geometra, architetto, ingegnere), il venditore si obbliga in tal senso e la spesa della verifica può essere divisa tra le parti. Sono a carico del venditore i costi per sanare eventuali abusi.

immagine whatsapp 1

Vendi casa da privato, risparmiando migliaia di euro di commissioni.

Proponi adesso il tuo immobile con pochi click, senza vincoli.

Perché vincolare la proposta al mutuo?

Vincolare la proposta di acquisto immobiliare all’ottenimento del mutuo è una tutela per il proponente, per non perdere l’importo della caparra in caso di mancato finanziamento. L’aumento dei tassi d’interesse e la precarietà lavorativa di molti acquirenti, incidono in maniera significativa sulle possibilità di ottenere il mutuo. È perciò consigliabile, per chi decide di formulare una proposta di acquisto facendo ricorso al finanziamento di un istituto di credito, di condizionare l’efficacia della proposta al buon esito della richiesta di mutuo. La condizione sospensiva contenuta nella proposta deve avere una scadenza certa, per consentire al venditore di valutare l’opportunità di accettare o rifiutare la proposta.

Quanto versare di caparra alla proposta di acquisto?

Non esiste una norma che definisca un importo da versare, nella prassi alla firma della proposta di acquisto una caparra pari al 5% del valore dell’immobile è una cifra adeguata. È comunque possibile versare anche una cifra diversa che può essere integrata con un ulteriore versamento a titolo di acconto prezzo dopo l’accettazione della proposta da parte del venditore. La caparra ha un triplice scopo:

  • Vincolare il promissario acquirente perché non cambi idea;
  • Manifestare al venditore un interesse concreto;
  • Vincolare anche il venditore se accetta la proposta.

Potrebbero interessarti:

No Comments

Leave a Reply