Enter your keyword

Condomino litigioso, si può allontanare dall’assemblea?

Condomino litigioso, si può allontanare  dall’assemblea?

Condomino litigioso, si può allontanare dall’assemblea?

Si può cacciare o meglio allontanare dall’assemblea un condomino litigioso? Le assemblee condominiali in diversi casi si trasformano in una sorta di arena, dove sfogare i dissapori con il vicino che occupa il pianerottolo con oggetti e piante, parcheggia l’auto dove non dovrebbe o con l’amministratore che “non sa fare il suo lavoro”.

Senza arrivare ai casi più estremi che fanno notizia, in quasi tutte le assemblee, c’è il condomino che ha da ridire su tutto, che litiga con chi non è d’accordo con le sue posizioni. Tant’è che spesso molti preferiscono non andare in assemblea per evitare litigi o più semplicemente discussioni.

Tornando alla domanda iniziale: come comportarsi con un condomino che crea tensione e litigi in assemblea?

Airdomus.com è una piattaforma digitale per comprare e vendere casa tra privati, senza intermediazione. Utilizziamo la tecnologia per facilitare l’incontro tra acquirente e venditore , con risparmio di tempo e denaro. Possiamo aiutarti a vendere o comprare casa velocemente e bene. L’iscrizione è gratuita e senza vincoli. Clicca su vendere o cercare casa. Centinaia di utenti si sono già iscritti sulla nostra  piattaforma. Scopri di più

Chi ha diritto di partecipare all’assemblea?

Prima di affrontare la gestione dei condomini litigiosi, dobbiamo fare un passo indietro e approfondire un tema importante ai fini della partecipazione all’assemblea condominiale, vale a dire chi ha diritto di partecipare alla riunione condominiale? Hanno diritto a partecipare all’assemblea condominiale gli inquilini e tutti i titolari di un diritto reale sull’immobile, quali:

  • I proprietari degli immobili;
  • I titolari di diritti reali, quali usufruttuari, titolari del diritto di abitazione ecc;
  • Il custode giudiziario, se nel condominio c’è un immobile pignorato;

Ai sensi dell’articolo 1136 codice civile, l’assemblea non può deliberare, se tutti gli aventi diritto non sono stati convocati alla riunione. È pertanto obbligatorio convocare in assemblea tutti, anche il condomino litigioso.

immagine whatsapp 1

Vendi casa da privato, risparmiando migliaia di euro di commissioni.

Proponi adesso il tuo immobile, con pochi click, senza vincoli

Chi ha il dovere di gestire l’assemblea condominiale?

Il compito di gestire l’assemblea e fare in modo che abbia un decorso ordinato e che si arrivi alla votazione dei punti all’ordine del giorno, spetta al presidente dell’assemblea, eletto a maggioranza tra i partecipanti. Il suo è un ruolo di garante, deve fare in modo che la discussione sia costruttiva, moderare gli interventi ed evitare che gli interventi possano degenerare o travalicare in argomenti che non sono all’ordine del giorno. in altre parole quella che oggi con un termine anglofono chiamiamo moral suasion, una persuasione autorevole.

Si può allontanare dall’assemblea un condomino litigioso?

La risposta a questa domanda è No! È molto difficile motivare l’allontanamento di un condomino litigioso da una riunione condominiale. L’uso di un linguaggio irrispettoso o lesivo dell’immagine di altri partecipanti, non è motivo sufficiente a motivare l’allontanamento. Saranno eventualmente le parti offese che adotteranno le iniziative legali per le minacce ricevute. A meno che, il condomino litigioso, non costituisca un problema per l’incolumità dei partecipanti, in questo caso sarà necessario chiedere l’intervento delle forze di polizia.

In linea generale, quando all’interno di un’assemblea condominiale la situazione si fa tesa e rischia di degenerare il presidente può richiamare tutti all’ordine, fissando dei tempi d’intervento uguali per tutti e invitando a tacere gli altri. In alternativa il presidente può sospendere l’assemblea, per abbassare la tensione e riappacificare gli animi.

In nessun caso il presidente o altri membri possono allontanare in modo coercitivo un condomino litigioso o invitare altri condomini ad abbandonare la riunione; perché oltre all’eventualità che le decisioni dell’assemblea siano impugnate, si rischia, sopratutto, di violare la libertà personale.

Condomino litigioso: come prevenire i contrasti in assemblea?

Nel caso di un condomino con un atteggiamento polemico durante le assemblee, il suggerimento è di chiarire in anticipo, con il soggetto, i punti all’ordine del giorno e individuare le cause che generano le lagnanze; spesso queste ultime sono da ricercare nella difficoltà di alcuni di comprendere il valore delle regole della convivenza in uno spazio condiviso. In questo i consiglieri condominiali e l’amministratore possono svolgere un ruolo importante per evitare un clima teso durante la riunione e fare in modo che l’assemblea proceda tranquillamente.

Potrebbero interessarti:

No Comments

Leave a Reply